CORONAVIRUS e Luoghi di Lavoro

CORONAVIRUS e Luoghi di Lavoro

L’attuale situazione di emergenza creatasi a seguito dei ben noti casi di contagio da CORONAVIRUS anche in Italia, ha ingenerato una serie di richieste a chiarimento di dubbi e perplessità che da più parti arrivano anche dai Datori di Lavoro per quanto riguarda l’applicazione delle disposizioni ministeriali all’interno dei luoghi di lavoro.

Il Nuovo Coronavirus è un nuovo ceppo di virus della famiglia dei Coronavirus, sconosciuto all’uomo prima di essere segnalato in Cina, per la prima volta a Wuhan a Dicembre del 2019. Il nome scientifico del nuovo ceppo è SARS-CoV-2 (Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2) mentre la malattia che provoca è stata denominata  “COVID-19”.

Sintomi

Il nuovo Coronavirus si manifesta presentando sintomi diversi che dipendono dallo stato di salute della persona prima del contagio. L’infezione può causare sintomi lievi e comuni quali raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, o sintomi più gravi come polmonite e difficoltà respiratorie. Raramente può essere fatale.

Nella maggior parte dei casi (circa l’80%) le persone infette non presentano alcun sintomo o sintomi lievi guaribili senza particolari cure. Circa il 20% viene ricoverato in ospedale con difficoltà respiratorie anche gravi.

Il periodo di incubazione, ossia il tempo che trascorre tra il contagio e lo sviluppo dei sintomi, si stima tra i 2 e gli 11 giorni, fino ad un massimo di 14 giorni. 

Trasmissione

La trasmissione del nuovo Coronavirus avviene tramite stretto contatto con una persona infetta sintomatica. I principali veicoli del virus sono:

  • La saliva, tosse e starnuti;
  • Contatti diretti personali;
  • Le mani, ad esempio toccare bocca, naso o occhi con le mani non lavate;

Il Ministero della Salute, consiglia, a tal proposito, di non stare troppo vicini tra le persone ma stare ad almeno 1 metro di distanza, applicare buone norme igieniche come starnutire o tossire coprendosi la boccagettare immediatamente i fazzoletti dopo averli usati e lavarsi spesso le mani.

Gli animali domestici come cani e gatti non trasmettono la malattia, anche se si raccomanda di lavare le mani dopo il contatto con gli animali.

I pacchi e oggetti provenienti dalle zone infette non comportano un rischio di infezione in quanto il virus ha un tempo di sopravvivenza, sulle superfici, di qualche ora.

Cose da evitare

  • Evitare di mettersi la mascherina se non serve: L’OMS raccomanda di indossarla solo se si sospetta di essere infetti. Un uso inutile ed incontrollato ne comporta una carenza nei veri momenti di bisogno.
  • Evitare di assumere antibiotici o antivirali se non sono prescritti dal medico. Non avrebbero alcun effetto sul virus e rischierebbero di peggiorare le cose.
  • Evitare allarmismi.

Cose da fare

  • Rimanere a casa, se non per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute o rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Leggi le FAQ pubblicate dal Ministero dell’Interno che troverai alla fine dell’articolo, per chiarire ogni tuo dubbio.
  • I lavoratori che si sposteranno dovranno essere muniti di autocertificazione (Modulo ministeriale scaricabile alla fine dell’articolo) che giustifichi lo spostamento per comprovate esigenze lavorative sia per l’accesso all’azienda sia per gli eventuali spostamenti presso i clienti nelle attività manutentive.

Indicazioni generali per i lavoratori

Decalogo del Ministero della Salute – 10 Regole:

  1. Lavarsi spesso le mani
  2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  3. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani
  4. Coprirsi la bocca e naso se si starnutisce o tossisce
  5. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  6. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico
  7. Contattare il numero verde della Regione Veneto 800.462340 se si ha febbre o tosse e si è tornati dalla Cina da meno di 14 giorni
  8. Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assistono persone malate
  9. I prodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi
  10. Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo Coronavirus

Indicazioni specifiche per Datori di Lavoro e Lavoratori a seguito del DPCM del 11.03.2020

Estratto DPCM 11.03.2020:

  1. In ordine alle attività produttive e professionali si raccomanda che:
    1. Sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
    2. Siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
    3. Siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
    4. Assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
    5. Siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;
  2. Per le sole attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni;
  3. In relazione a quanto disposto nell’ambito dei numeri 7 e 8 si favoriscono, limitatamente alle attività produttive, intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.
  4. Per tutte le attività non sospese si invita al massimo utilizzo delle modalità di lavoro agile.

 

Numeri Utili

Numero Unico Emergenze

Istituto Superiore della Sanità       

R. Lombardia e Zona Rossa

R. Veneto

Provincia di Verona                                        

Tel. 112

Tel. 1500

Tel. 800894545

Tel. 800462340

Tel. 800936666

 

Informative Ministero della Salute
Decreti e Ordinanze Nazionali e Regionali
Moduli e FAQ

Ulteriori informazioni sul nuovo Coronavirus si possono trovare su:

Ministero della Salute: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

Protezione Civile: http://www.protezionecivile.gov.it/home

Istituto Superiore di Sanità, Epicentro: www.epicentro.iss.it/coronavirus/

Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, bollettino Coronavirus: www.inmi.it/bollettino-coronavirus

Portale Regione Veneto: https://www.regione.veneto.it/web/sanita/

Portale Regione Lombardia: https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/coronavirus

 

 

I consulenti Vegambiente rimango a disposizione per eventuali chiarimenti o richieste.

Vista l’Emergenza Covid-19, nel rispetto delle regole emanate dal Governo Italiano, eventuali richieste, riunioni o chiarimenti potranno essere gestite con modalità a distanza tramite connessione streaming. Se hai bisogno di aiuto per salvaguardare la salute e la sicurezza dei tuoi lavoratori non esitare a metterti in contatto con i Consulenti Vegambiente, i quali, sapranno aiutarti anche da casa.